I Ricercatori Sviluppano le Pile Solari Facendo Uso degli Elettrodi di Nanotube e degli Elettroliti del Solfuro

Published on April 19, 2012 at 5:04 AM

Da Cameron Chai

Un gruppo dei ricercatori dall'Università Tsinghua e dalla Rice University ha dimostrato che una combinazione di foreste del nanotube del carbonio e un elettrolito basato solfuro possono essere usati per da costruzione le pile solari tintura-sensibilizzate alto-efficienti (DSC) ad un costo più in basso di quello alle delle pile solari basate a silicio convenzionali.

Pei Dong, un dottorando alla Rice University, tiene una pila solare laboratorio costruita che combina un collettore di corrente del nanotube del carbonio e un elettrolito basato solfuro. La combinazione ha potuto rendere tali pile solari più efficienti e meno costose che le unità tintura-sensibilizzate corrente. (Foto da Jeff Fitlow)

Secondo il gruppo di ricerca, le foreste a parete semplice verticalmente state allineate del nanotube del carbonio sviluppate al laboratorio del Riso di Robert Hauge sono una sostituzione efficiente agli elettrodi di platino, un catalizzatore comunemente usato nella tecnologia di DSC. Giugno Lou, uno dei ricercatori, informato che questi tappeti del nanotube sono egualmente più electroactive degli elettrodi di platino. DSCs può essere prodotto più facilmente alle delle pile solari semi condutrici basate a silicio. Tuttavia, il loro risparmio di temi è più basso di quello alle delle pile solari basate a silicio.

In DSCs, i fotoni sono assorbiti da luce solare dalle tinture per produrre una tassa come elettroni. Un livello semiconduttore dell'ossido di titanio applicato sopra un collettore di corrente cattura questi elettroni prima che raggiungano il controelettrodo tramite altro collettore di corrente. L'introduzione agli degli elettroliti basati a iodio ha avanzato la produzione di DSC. Tuttavia, la corrosione dei collettori di corrente metallici causati da questi elettroliti ha sollevato il problema circa l'affidabilità di DSCs, Lou ha detto. Inoltre, questi elettroliti tendono ad assorbire le lunghezze d'onda dell'indicatore luminoso visibile, solo meno fotoni possono essere usati.

Per sormontare queste emissioni agli degli elettroliti basati a iodio, i ricercatori di Tsinghua hanno sviluppato un elettrolito basato solfuro che è anti corrosivo, assorbe poco indicatore luminoso visibile ed è altamente compatibili con i nanotubes sviluppati dai ricercatori del Riso. Entrambe Le università da costruzione DSCs di lavoro, con risultati simili. Il risparmio di temi di trasformazione dell'energia dei questi DSCs era 5,25%, un valore più basso del valore della registrazione di DSC di 11% raggiunto facendo uso di un elettrodo di platino e degli elettroliti dello iodio. Tuttavia, il loro risparmio di temi di conversione era considerevolmente maggior del valore di una prova di controllo sulla combinazione del controelettrodo del platino convenzionale e di nuovo elettrolito.

Lou ha specificato che il lavoro ancora ha bisogno di più sforzi perché la resistenza di contatto del collettore nanotube--corrente del carbonio è alta e l'impatto dei difetti strutturali del nanotube del carbonio sulla sua prestazione catalitica completamente non è capito.

Sorgente: http://www.rice.edu

Last Update: 19. April 2012 05:20

Tell Us What You Think

Do you have a review, update or anything you would like to add to this news story?

Leave your feedback
Submit